EHUÈ

È l’acronimo di Errare HUmanum Est!

Il blog raccoglie pensieri e riflessioni intorno al tema dell’errore e alla sua valenza positiva. Errare è umano, non possiamo evitarlo. Sbagliando si impara, dunque si cresce. Perché allora l’errore viene evitato in tutti i modi e spesso condannato?

Sono sicuro che anche tu, nel corso della tua vita, abbia commesso almeno un errore che in seguito si è trasformato in un’opportunità. Probabilmente senza quello sbaglio la tua vita avrebbe continuato su altri binari e ora non staresti leggendo queste parole.

Scelte sbagliate, sliding doors, serendipità… tanti concetti ruotano intorno al tema più semplice dell’errore. Se vuoi partecipare alla discussione, leggi e commenta gli articoli del blog, o diventa parte attiva inviando ad EHUÈ la tua esperienza!

Sono in tutti i principali social, scegli tu come partecipare: un video selfie, il tuo racconto in poche battute, la fotografia di quella volta che…
Sostieni la filosofia EHUÈ! Non farlo sarebbe un epic fail!

Perché gli errori?

Ammettiamolo… gli errori sono fantastici! Certo, sul momento tendiamo a rinnegarli o insabbiarli. È umano: abbiamo paura che un giudizio troppo severo possa intaccare l’opinione che gli altri hanno di noi. Eppure compiere errori è parte della natura umana, e ogni sbaglio è un mezzo per imparare dall’esperienza e diventare un po’ migliori.

Chi sono

Sono una mente operosa!
Ho commesso l’errore di imbrigliare a lungo creatività e fantasia concentrandomi sul mio lavoro da impiegato, ma sono pronto a coglierne i frutti: ho un cospicuo capitale di immaginazione e aspirazioni da riversare in questo progetto. Pronti?

Blog

Play

Quante volte hai ascoltato una canzone pensando che fosse scritta per te? Succede continuamente. La ascolti e la canti, e più la ricanti più te la senti addosso, plasmandone il significato perché ti vesta a pennello. Il fenomeno è più frequente nell’adolesCenza, quando le tempeste ormonali e le turbe sentimentali ti sparano sulle montagne russe: …

Dentro lo zaino

Oggi, ricordando il mio plurirattoppato glorioso zaino Microchip, ho sguinzagliato Google alla ricerca dei modelli più in voga degli anni 90. Imbarcarmi nella ricerca è stato un errore: ho buttato un’ora di tempo, sottraendolo ad attività più utili, e senza trovaRe uno straccio di immagine che documentasse l’esistenza di quella mitica reliquia. L’effetto nostalgia è …